La posta a giorni alterni

Nella legge di Stabilità il governo ha introdotto profondi cambiamenti sul fronte delle Poste. In primo luogo, verrà reintrodotta la posta ordinaria che costerà 1 euro a lettera. Poi verrà ideata una posta super-prioritaria dal costo molto più alto, anche 3 euro a missiva. Infine i postini consegneranno la posta a giorni alterni. Lo riporta La Stampa che spiega come il governo, “con emendamenti presentati ieri alla legge di Stabilità ha deciso di assecondare i piani della società in vista della privatizzazione del 40% del capitale del gruppo da cui si pensa di ricavare 4-6 miliardi”.

Come prima cosa si è deciso di restituire alle Poste 535 milioni in esecuzione di una sentenza della Corte europea, ma soprattutto sono stati fissati alcuni paletti in vista della definizione del nuovo contratto di programma che sarà siglato entro marzo.

L’altra novità riguarda le modalità di recapito. In pratica “la consegna della posta, che oggi avviene dal lunedì al venerdì avverrà a giorni alterni. E tra le ipotesi si parla anche di graduare la frequenza in base al numero degli abitanti: nei grandi centri verrebbe confermata la possibilità di consegna quotidiana e poi a scalare verrebbe via via diradata man mano che si riduce il bacino di utenza. Non parla soltanto di piccoli centri, ma prevede la  consegna ridotta della posta nelle zone con densità sotto i 200 abitanti per chilometro quadrato. Per capirci, se questa norma dovesse passare, alcuni dei comuni interessati sarebbero il nostro (Castelnuovo Bormida) che ha una densità di 53,39 abitanti per km², ma anche Cassine con 90,71 ab/km² e addirittura Alessandria con 121,95 ab/km². A salvarsi sarebbe invece Acqui Terme che, secondo il sito tuttitalia.it, ha una densità di 605,78 ab/km².

 

Tratto da:http://www.today.it/rassegna/poste-cambiamenti-postino.html

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbe interessarti anche ...

Leave a Reply