Comunità alloggio per anziani

Una delle ultime iniziative in ordine di tempo è stata la costruzione della Comunità alloggio per anziani. Ne ebbero l’idea nel 1980 Lino Vignoli e Filippo Tornato: due/tre anni dopo, con l’aiuto del geometra Bocchio, venne realizzato il primo progetto grafico, successivamente variato per adeguarlo alle disponibilità finanziarie.

La donazione del terreno da parte delle sorelle e dei fratelli Orecchia fu l’atto iniziale che spronò ed incoraggiò gli amministratori comunali a perseverare nella scelta fatta. Nel 1986 arrivò il primo mutuo della Cassa Depositi e Prestiti: 350 milioni.

Nel 1987, a febbraio, iniziarono i lavori; nel settembre dello stesso anno venne redatto il primo stato di avanzamento dei lavori. Da allora i lavori non si interruppero fino al 1989 quando il flusso dei finanziamenti della Cassa Deposito e Prestiti cessò temporaneamente per l’assegnazione, da parte del Governo, della priorità alle spese dei campionati mondiali di calcio in programma nell’anno successivo. A fine 1991 arrivò l’ultimo mutuo. Da quando l’Amministrazione comunale rese disponibile il c/c postale per raccogliere i versamenti di coloro che volevano contribuire, diverse famiglie castelnovesi hanno testimoniato la loro generosità.

Domenica 29 marzo 1992, alle ore 16, venne inaugurata la Comunità alloggio per anziani (con annesso centro sociale) presenti il sindaco Clara Salvini Vacca e personalità della vita amministrativa e politica. Ancora oggi gestisce 28 posti; la struttura è composta da due piani: al pianterreno ci sono i locali di uso comune, la sala da pranzo, la sala tv e la cucina e sette camere ,mentre al primo piano , raggiungibile con l’ascensore, ci sono le altre sette camere . Le camere sono tutte a due letti, con il bagno interno. Uno spazio speciale è adibito a piccola cappella dove una volta alla settimana viene celebrata la Messa.

Tratto da “La Comunità – bollettino parrocchiale marzo 1992”
per ulteriori informazioni – Residenza “La Rotonda”

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply