Caranti, famiglia

img011.jpgLa famiglia Caranti di Castelnuovo (ad oggi per quanto noto estinta in via principale)  discendeva  da un’antica e facoltosa famiglia borghese originaria del centro Italia (da una biografia attinente la “Certosa di Pesio” si rileva Passo Corese in Romagna?, non identificato). Nel Seicento il ramo “Castelnovese” si trasferì a Castelnuovo Bormida, dove riscontriamo nel tempo esponenti della famiglia investiti di importanti cariche nell’amministrazione pubblica del Comune e attivi professionisti nella vicina Acqui Terme. Citiamo:

Nel 1721 il Dr. Lazzaro Caranti era Console nel Consiglio Comunale di Castelnuovo.

Nel 1794 Luigi Caranti era Sindaco, poi confermato Assistente del Sindaco nel 1801 all’epoca della dominazione Napoleonica. (Luigi Gaioli – manoscritto – cap X pag 29, cap XI pag 36)

1794 – Al Dr. Lazzaro Caranti, nato nel 1774,  medico in Castelnuovo, viene associata la fortuna della famiglia. Alla fine del settecento acquisì la prestigiosa ampia casa sulla piazza principale, svariate proprietà terriere ed un filatoio. Accanito giacobino. Allievo di Carlo Botta. Viene ampiamente citato da Luigi Gaioli al capitolo X del manoscritto, pag 29,30.

1821 – Giuseppe Maria Caranti , di Lazzaro,   giudice (oggi Pretore) a Spigno sino al 1830, e successivamente avvocato in Acqui.

1821 – Luigi Caranti, di Lazzaro, fratello di Giuseppe Maria, causidico in Acqui in Via Garibaldi, diede asilo a Santorre di Santarosa (Luigi Gaioli, manoscritto – capitolo X – pag. 30)

1839 – 1891 – Biagio Caranti, di Giuseppe Maria, garibaldino, legato anche alla Certosa di Pesio – vedi biografia in Personaggi.

1885 in poi – Giuseppe Caranti, di Lazzaro e Carlotta Farina, n. a Torino 28/02/1862 e morto 23/03/1921 in Torino. Pronipote del medico Lazzaro (vedi 1794). Consigliere provinciale. Sindaco di Castelnuovo. Sua l’iniziativa e la realizzazione del Ponte tra Castelnuovo e Cassine (vedi Ponte in monumenti e Luigi Gaioli, manoscritto cap. XVIII  pag 47,48).  Sposò nel 1897 Andreina Marenco: ebbero due figlie – Carlotta e Ottavia nate rispettivamente nel 1898 e 1899. (vedi foto in alto).

Almeno dalla seconda metà dell’ottocento si evince una residenza della famiglia in Torino, che divenne nel tempo stabile riservando alla casa di Castelnuovo il ruolo di residenza secondaria o di vacanza, poi definitivamente abbandonata e ceduta nella seconda metà del novecento.

Ulteriori notizie nelle biografie e manoscritti citati e nell’albero genealogico.

Myheritage Albero Genealogico Caranti
Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply